Sei un avvocato? Aiuta, rispondi e inizia a farti conoscere.
Sei stato avvocato o sei neolaureato in giurisprudenza? Il tuo aiuto può fare tanto bene, una società migliore aiuta tutti. Mettiti alla prova Iscriviti

HomeUn muratore si da fuoco! Perchè enti di strozzinaggio come Equitalia e Agenzie delle Entrate possono distruggerci e trattarci come criminali solo perchè non riusciamo a pagare tasse da usurai? Leggi...

Benvenuto Ospite 

Mostra/Nascondi Header

Benvenuto Ospite, connettiti o registrati.

Pagine: [1]
 Rispondi   RSS feed   
Autore ArgomentoPignoramento: Decreto Ingiuntivo come fare opposizione
admin11
Amministratore
Posts: 35
Post Pignoramento: Decreto Ingiuntivo come fare opposizione
il: 11 April 2012

L’ingiunzione per decreto ingiuntivo è  il provvedimento con il quale un giudice ordina al debitore di adempiere in tempi breve ai propri obblighi, pena azioni esecutive come l’iscrizione di ipoteca o il pignoramento.

Il procedimento di ingiunzione “accertamento con prevalente funzione esecutiva”, mira ad assicurare la rapida formazione del titolo esecutivo. Il decreto ingiuntivo non è una sentenza, ma un forte strumento di riscossione che solitamente le banche utilizzano per snellire le procedure della giustizia. Il procedimento di ingiunzione è un procedimento speciale disciplinato dagli artt. 633 sgg. del c.p.c. L’ingiunzione viene pronunciata quando vi sia una prova scritta del diritto che si vuol far valere ed e’ valutata a discrezione del giudice. Per le banche valgono anche gli estratti delle scritture contabili purche’ regolarmente emessi e vidimati.

Al “ricorso per ingiunzione” devono essere allegate le prove documentali, se il giudice rigetta la domanda ritenendola insufficientemente giustificata lo comunica richiedendo ulteriori prove. Se il giudice ritiene motivata la richiesta, ingiungera’ all’altra parte entro 30 giorni dalla richiesta di pagare la somma dovuta entro 40 giorni dalla notifica o di presentare ricorso allo stesso tribunale, in assenza di pagamento o di opposizione provvedera’ all’esecuzione forzata. I decreto può essere emesso con esecuzione provvisoria normalmente concesso nel caso in cui vi sia un pericolo di grave pregiudizio nel ritardo oppure se il ricorrente produce documentazione comprovante il suo diritto sottoscritta dal debitore. In questo il giudice puo’ autorizzare l’esecuzione senza osservanza di alcun termine. L’opposizione al decreto ingiuntivo deve essere effettuata entro 40 giorni presentando un atto di citazione.

L’opposizione può avere motivazioni di merito (debito inesistente o gia’ pagato) per vizi di notifica del decreto, con documentazione di quanto si sostiene. Se l’opposizione non e’ fondata su prova scritta o di pronta soluzione, il giudice solitamente concede l’esecuzione provvisoria del decreto. Se l’opposizione viene rigettata con sentenza passata in giudicato o provvisoriamente esecutiva il decreto acquista efficacia esecutiva.

Una attenta analisi della documentazione prodotta a sostegno del decreto ingiuntivo, ed una relazione tecnica effettuata da un esperto professionista possono determinare una valida e riconosciuta opposizione, che quasi sempre riesce ad ottenere anche la sospensione della provvisoria esecuzione.

Soltanto con l’opposizione al decreto ingiuntivo potete fare valere le Vostre ragioni richiedendo la revoca del provvedimento impugnato. E quindi, opponetevi al decreto ingiuntivo.

L’opposizione al decreto ingiuntivo può far emergere l’applicazione di interessi ultralegali, l’ anatocismo, le commissioni di massimo scoperto , le spese che sono state trasformate in capitale producendo ulteriori interessi e commissioni e gli eventuali vizi contrattuali.

Il decreto ingiuntivo verrà invalidato poiché contiene voci di costo illegittime che nel tempo hanno contribuito ad alterare il saldo che non è certamente liquido e neppure esigibile.

user25
Nuovo
Posts: 1
Post Re: Pignoramento: Decreto Ingiuntivo come fare opposizione
il: 8 July 2012

Scusate se utilizzo il modulo errato , ma non riesco a trovare quello per porre la domanda .

In breve cercherò di esporre la mia problematica Da il mese di novembre 2011 , risiedo presso una conoscente .

Avendo io una situazione espositiva abbastanza pesante che ho cercato di risolvere in tutti modi , Nel mese di Giugno ho effettuato una scrittura privata autenticata dal segretario comunale in cui dichiaro (Come e vero) che tutti i beni mobili all'interno dell'appartamento non sono di mia proprietà . Successivamente ho saputo che secondo alcuni questa documento non è sufficiente .

In rete ho trovato una sentenza di cassazione del 2010 in cui viene enunciato il principio che anche altri atti pubblici possono attestare la proprietà dei beni .

Ma non sono riuscito a capire bene esattamente quali .

Preciso che la Signora vive li da circa due anni (Sta pagando il mutuo) e non e a me legata dal alcun vincolo di consanguineità e parentela ed ha un figlio di dodici anni . Spero che accetterete il quesito anche se non postato nell'apposita casella . Siete veramente preziosi saluti Ariodante

Risposta rapida:


Inserisci codice di sicurezza: (richiesto)
Pagine: [1]

   Le denunce di avvocatogratis.org

Oggi ho ricevuto questa email, leggetela e inoltratela via email come sto facendo io a più persone possibili, cambiare il mondo, portando luce, si può!!!       INVOCAZIONE D’AIUTO DEL POPOLO ITALIANO AGLI STATI EUROPEI E ALL’AMERICA Vi prego Merkel, Sarkozy, Obama e relative famiglie, ci stanno facendo pagare il 70% di tasse sui nostri Leggi…


30/03/2012 – CASO FEDERFARMA E SANITA’: “LE IENE” IMBARAZZANO IORIO Si potrebbero risparmiare 6 miliardi di Euro all’anno in Italia con semplici macchinette validatrici in ogni farmacia per fare in modo che i farmaci possano venire ritirati solo inserendo la tessera senitaria. Queste macchinette eviterebbero le truffe di farmacie senza scrupoli, medici compiacenti che prescrivono ricette false ai loro Leggi…


Sono da poco passate le otto del mattino, a Bologna, quando un uomo di 58 anni, un muratore, nella propria auto, una Fiat Punto parcheggiata davanti alla sede dell’Agenzia delle entrate, si dà fuoco. Ricoverato in ospedale, versa in condizioni gravissime, con ustioni su tutto il corpo. A spingerlo a compiere un gesto così estremo Leggi…


IMPORTANTE: SE INIZIAMO AD ESSERE IN TANTI A RICHIEDERE AIUTO ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’ UOMO PRIMA O POI QUALCUNO SI DOVRA’ VERGOGNARE DI COME VENIAMO TRATTATI DALLO STATO ITALIANO E DAI NOSTRI AGIATI GOVERNANTI CHE SGUINZAGLIANO L’ AGENZIA DELLE ENTRATE E EQUITALIA PER DISTRUGGERCI E TRATTARCI COME CRIMINALI !!! LORO SONO I CRIMINALI Leggi…


Spetta all’ufficio dimostrare l’inesistenza delle operazioni commerciali fatturate Ma quando la spesa non è regolarmente documentata da fattura, è il contribuente a dover dimostrare che, a fronte dei maggiori ricavi accertati, sono stati sostenuti costi inerenti all’attività esercitata Con la sentenza n. 18710 del 23/9/2005, la Corte di cassazione ha stabilito che nelle ipotesi in Leggi…



CERCA NEL SITO

Ultime foto inserite