Sei un avvocato? Aiuta, rispondi e inizia a farti conoscere.
Sei stato avvocato o sei neolaureato in giurisprudenza? Il tuo aiuto può fare tanto bene, una società migliore aiuta tutti. Mettiti alla prova Iscriviti

HomeUn muratore si da fuoco! Perchè enti di strozzinaggio come Equitalia e Agenzie delle Entrate possono distruggerci e trattarci come criminali solo perchè non riusciamo a pagare tasse da usurai? Leggi...

Benvenuto Ospite 

Mostra/Nascondi Header

Benvenuto Ospite, connettiti o registrati.

Pagine: [1]
 Rispondi   RSS feed   
Autore ArgomentoEsterovestizione richiesta IVA su clienti italiani
admin11
Amministratore
Posts: 35
Post Esterovestizione richiesta IVA su clienti italiani
il: 17 February 2012

Ho un azienda all'estero che è stata dichiarata esterovestita. Hanno fatto il conteggio di quanti clienti italiani ho avuto e mi hanno imputato l'IVA italiana che io non ho mai incassato. Il problema è che per un anno supera i 100.000 Euro e quindi adesso mi ritrovo con una imputazione penale. Ma è costituzionale che mi chiedano dell'IVA che non ho mai incassato? Come posso contestare questa imputazione?

Ospite

Posts: 17
Post Re: Esterovestizione richiesta IVA su clienti italiani
il: 31 March 2012

Siamo entrati nella comunità europea ma lo stato italiano si comporta come un dittatore con le aziende italiane

Ospite

Posts: 17
Post Re: Esterovestizione richiesta IVA su clienti italiani
il: 13 April 2012

Bisogna andare davanti alla commissione tributaria.
Vedi anche articolo: /?mingleforumaction=viewtopic&t=20

Ospite

Posts: 17
Post Re: Esterovestizione richiesta IVA su clienti italiani
il: 13 April 2012

Bisogna provare anche a richiedere la illegittimità dell'imputazione IVA quando dopo che ti hanno fatto il verbale e l'accertamento richiedi l'istanza di accertamento.

Ospite

Posts: 17
Post Re: Esterovestizione richiesta IVA su clienti italiani
il: 2 July 2012

Sotto il profilo squisitamente fiscale dovresti, in sede contenziosa (facendo ricorso in commissione tributaria provinciale) riuscire a provare che, la sede di direzione effettiva dell'impresa a cui è stata contestata l'esterovestizione è all'estero e non in Italia. Oppure (altra strategia difensiva percorribile) contestare la incompetanza territoriale dell'Ufficio fiscale e dunque chiedere l'annullamento dell'avviso di accertamento. Solo vincendo la presunzione di residenza ex art. 73 co. 5 bis TUIR e di esterovestizione potresti evitare la ripresa a tassazione in Italia dell'IVA.

Risposta rapida:


Inserisci codice di sicurezza: (richiesto)
Pagine: [1]

   Le denunce di avvocatogratis.org

Oggi ho ricevuto questa email, leggetela e inoltratela via email come sto facendo io a più persone possibili, cambiare il mondo, portando luce, si può!!!       INVOCAZIONE D’AIUTO DEL POPOLO ITALIANO AGLI STATI EUROPEI E ALL’AMERICA Vi prego Merkel, Sarkozy, Obama e relative famiglie, ci stanno facendo pagare il 70% di tasse sui nostri Leggi…


30/03/2012 – CASO FEDERFARMA E SANITA’: “LE IENE” IMBARAZZANO IORIO Si potrebbero risparmiare 6 miliardi di Euro all’anno in Italia con semplici macchinette validatrici in ogni farmacia per fare in modo che i farmaci possano venire ritirati solo inserendo la tessera senitaria. Queste macchinette eviterebbero le truffe di farmacie senza scrupoli, medici compiacenti che prescrivono ricette false ai loro Leggi…


Sono da poco passate le otto del mattino, a Bologna, quando un uomo di 58 anni, un muratore, nella propria auto, una Fiat Punto parcheggiata davanti alla sede dell’Agenzia delle entrate, si dà fuoco. Ricoverato in ospedale, versa in condizioni gravissime, con ustioni su tutto il corpo. A spingerlo a compiere un gesto così estremo Leggi…


IMPORTANTE: SE INIZIAMO AD ESSERE IN TANTI A RICHIEDERE AIUTO ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’ UOMO PRIMA O POI QUALCUNO SI DOVRA’ VERGOGNARE DI COME VENIAMO TRATTATI DALLO STATO ITALIANO E DAI NOSTRI AGIATI GOVERNANTI CHE SGUINZAGLIANO L’ AGENZIA DELLE ENTRATE E EQUITALIA PER DISTRUGGERCI E TRATTARCI COME CRIMINALI !!! LORO SONO I CRIMINALI Leggi…


Spetta all’ufficio dimostrare l’inesistenza delle operazioni commerciali fatturate Ma quando la spesa non è regolarmente documentata da fattura, è il contribuente a dover dimostrare che, a fronte dei maggiori ricavi accertati, sono stati sostenuti costi inerenti all’attività esercitata Con la sentenza n. 18710 del 23/9/2005, la Corte di cassazione ha stabilito che nelle ipotesi in Leggi…



CERCA NEL SITO

Ultime foto inserite